BLOG

Ricorso per il pagamento del tempo tuta infermieri e OSS

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Ottieni una prima valutazione sulla tua posizione personale

infermiera retribuzione

Se sei infermiere o un O.S.S. di un’azienda sanitaria pubblica o privata, questo articolo potrebbe interessarti.

 

Parliamo del “tempo tuta”, cioè del diritto del lavoratore ad essere retribuito anche per il tempo trascorso per le operazioni di vestizione e svestizione.

Se vuoi approfondire la tematica, ne ho parlato anche qui e qui.

 

Tempo tuta: quando è possibile proporre un ricorso.

 

Oggetto del ricorso è l’adeguamento della retribuzione del personale sanitario (medici, infermieri, OSS) per il tempo trascorso per le operazioni di vestizione (prima dell’inizio del turno) e svestizione (dopo la fine del turno).

Secondo la giurisprudenza, il personale sanitario ha diritto alla retribuzione per il tempo necessario ad effettuare le operazioni di vestizione/e svestizione.

Queste ultime, infatti, rappresentano un “comportamento integrativo” dei doveri lavorativi, e sono svolte nell’interesse superiore dell’igiene pubblica.

Per questo, le attività in questione devono essere ritenute implicitamente autorizzate dall’Azienda, anche se la contrattazione collettiva integrativa non dovesse prevedere nulla in merito.

Il tutto a condizione che la vestizione e la svestizione siano effettuate fuori dal turno di lavoro (rispettivamente, subito prima e immediatamente dopo la timbratura del cartellino). Oppure, se il lavoratore svolge queste operazioni timbrando l’entrata e l’uscita per un orario superiore a quello previsto dal contratto, ma l’Azienda paga solo per quest’ultimo.

A tali condizioni, i tempi di vestizione e svestizione (normalmente 30 minuti complessivi per ogni giorno lavorativo) devono essere considerati quali orario di lavoro e, dunque, retribuiti.

 

Vuoi ottenere una prima valutazione del tuo caso?

 

Lo studio legale può fornirti una prima valutazione gratuita della tua posizione.

Poi sarai tu, liberamente, a decidere se recuperare o meno le retribuzioni che eventualmente potrebbero spettarti.

 

Segui questi semplici passaggi

Raccogli questi documenti:

  • Il tuo contratto di lavoro;
  • Una busta paga e il foglio delle timbrature riferite al mese corrispondente;
  • Eventuale documentazione aziendale da cui risulti l’obbligo di recarsi sul posto di lavoro alcuni minuti (normalmente 15) prima dell’inizio del turno per effettuare in loco le operazioni di vestizione e svestizione, e di trattenersi alla fine del turno per la svestizione.
  • compila e sottoscrivi l’informativa per il trattamento dei dati personali, che puoi scaricare cliccando qui.
  • Compila il modulo di contatto che trovi qui sotto e carica la documentazione sopra indicata.

 

Lo Studio Legale ti risponderà fornendoti una prima valutazione gratuita, non impegnativa e non vincolante, sulla tua posizione.

 

A quel punto, potrai decidere liberamente se e come proseguire per il recupero della retribuzione degli ultimi 5 anni, o anche (sussistendone i presupposti) per il relativo adeguamento in futuro.

 

COMPILA IL FORM!

Dal blog

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Autore: Avv. Lorenzo Nannipieri

Autore: Avv. Lorenzo Nannipieri

Contattami per avere maggiori informazioni sul contenuto di questo articolo